RECENSIONE: “MERLETTI E RICAMI DI WAGNA – GLI SCHEMI RITROVATI DI EMMA E PIA, MAESTRE IN GUERRA”

Nuova S1, 2018

Ogni volta che esce un nuovo libro che riscopre le vicende di donne valorose che rischiavano di perdersi tra le fitte trame del tempo, io mi commuovo. E chi mi conosce, sa quanto sia difficile sorprendermi.

Nel caso di questo saggio, lo stupore e la felicità si moltiplicano perché l’autrice non soltanto ha ritrovato documenti e fotografie rare, ma l’argomento principale di queste pagine è il merletto a fuselli, tecnica artigianale e artistica di rara bellezza che io stessa pratico da più di sei anni.

Non è un caso che sia stata proprio Rosita d’Ercoli a comporre questo saggio: è una maestra merlettaia e una straordinaria divulgatrice della storia del merletto. Per decenni insegnante della Scuola di Merletto di Gorizia, oggi presta la sua preziosa conoscenza all’interno dell’Associazione “Fuselliamo” di Gradisca d’Isonzo, che stampa l’omonima ricercata rivista semestrale, ambitissima tra le merlettaie di tutta Europa (e di una buona fetta di mondo).

Il saggio narra la vicenda di due vite che si intrecciano, quelle di Emma Kočevar e Pia Degressi, due maestre merlettaie originarie di Idria (Slovenia) e Isola (Istria), all’epoca della loro giovinezza. I destini delle donne, due autentiche pioniere dell’emancipazione femminile, in quanto insegnanti e, nel caso di Emma Kočevar, itineranti, che si trovano nel campo profughi di Wagna, in Austria, centro di raccolta degli sfollati del litorale austriaco durante la Prima Guerra mondiale.

A Wagna, le due insegnanti formano per anni centinaia di merlettaie e ricamatrici. Emma Kočevar come maestra e Pia Degressi come assistente, dettaglio che non le aggrada, essendo figlia di una maestra merlettaia dirigente della Scuola di Merletto di Isola, e sua naturale erede. Tuttavia, il legame tra le due donne prende il volo anche grazie alle straordinarie qualità di Emma, conoscitrice di diversi idiomi, grande divulgatrice e organizzatrice, indipendente e inclusiva allo stesso tempo.

Rosita d’Ercoli ha compiuto ricerche decennali sull’argomento e sulla biografia delle due maestre e il destino l’ha guidata passo passo fino al ritrovamento dei parenti delle due donne, i quali hanno conservato preziosi cimeli novecenteschi: disegni per il ricamo delle borsette con perline e merletto, fuselli, tomboli, cestini, campioni e alcune borsette originali, come questa:

Borsetta con perline della famiglia di Simona Matarazzo

Immaginate la felicità di una maestra merlettaia e di una conoscitrice così appassionata come d’Ercoli, alla vista di questi tesori? Se non ci riuscite, oppure se volete vederli fotografati, non esitate a leggere questo saggio avvincente, che vi trasporterà nei primi anni del Novecento, in un periodo bellicoso e difficile per la sopravvivenza quotidiana, ma che nel caso del campo profughi di Wagna è stato illuminato da due donne forti e indipendenti, capaci di sostenere economicamente e psicologicamente centinaia di fanciulle e donne, preoccupate per le sorti dei loro uomini e delle case abbandonate, della dura quotidianità e del proprio futuro, attraverso l’apprendimento di tecniche artigianali uniche e preziose, che sarebbero state loro d’aiuto sia durante quei difficili anni di guerra, sia successivamente, per la ricostruzione di una nuova vita con la famiglia riunita.

Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *