LA CONSULENZA FILOSOFICA -INTERVISTA ALLA DOTT.SSA CHIARA PRADELLA-

Come promesso, questa settimana intervisto la Dottoressa Chiara Pradella, filosofa e scrittrice che, una settimana fa, ha inaugurato in Via Garibaldi 9 a Gorizia il suo studio di Consulenza Filosofica. Un inizio importante: affiancata dal sindaco Rodolfo Ziberna, dal Vicepresidente della Camera di Commercio Gianluca Madriz e dallo psicologo Franco Perazza, la filosofa ha illustrato i suoi prossimi progetti ai presenti e alla stampa. Oggi passa dal nostro blog per raccontarci di più.

La Dott.ssa Chiara Pradella nel suo studio “Lo Ziqqurat”

-Dunque Dottoressa Pradella, come si sente a poco più di una settimana dall’inizio del suo nuovo progetto?

Mi sento molto emozionata e, a dirla tutta, ancora non mi sembra vero!

Aprire uno studio privato per aiutare le persone a ritrovare sé stesse e il loro sorriso è un sogno che ho da quando avevo 15 anni, ovvero dal primo anno al Liceo delle Scienze Sociali.

La strada per arrivare fino a qui è stata davvero molto dura, fatta di tanti anni di studio, volontariato e – nel contempo – presa in carico di lavori completamente diversi per mantenermi, tanto che quasi non ci credevo più, all’apertura di un mio studio privato, invece… Dopo tanto impegno è successo. Mai smettere di inseguire i propri sogni!

-Vuole parlarci della storia della Consulenza Filosofica, per spiegarla a chi potrebbe esserne digiuno?

Nonostante la Filosofia sia antica quasi quanto il mondo (va bene, ora non esageriamo, ma sicuramente antecedente alla psicologia e a Cristo), la Consulenza Filosofica è una disciplina piuttosto recente, nata in Germania negli anni ’80 con Gerd B. Achenbach, grazie al quale si è configurata come “dialogo che cura” (espressione mia), che aiuta – concretamente – nella risoluzione dei problemi di tutti i giorni, intervenendo nel mondo reale, delle relazioni.

E’ una pratica che aiuta a riflettere sul proprio modo di vedere le cose, le persone, sviluppando una visione sul mondo aperta a 360°, capace di far rientrare entro il suo raggio di veduta tutte le risorse interne all’individuo (anche quelle che ancora non conosce di sé), comprese le risposte alle sue difficoltà.

-La filosofia è una materia che affascina moltissime persone, ma certamente nel XXI secolo, così votato alla scienza e alla tecnologia, in tanti potrebbero pensare che sia desueta. Cosa risponderebbe agli scettici?

Quando (molto spesso) mi fanno questa osservazione mi torna sempre in mente una frase del filosofo Carlo Michelstaedter, il quale affermava che “Vana cosa è la filosofia se esce dalla vita – è l’ultima illusione, e l’ultimo gioco del vecchio rimbambito – è l’ultimo ottimismo che arresta la vita nel suo glorioso svolgimento verso l’universale”.

Un pensiero così (espresso per giunta più di 100 anni fa) ci fa pensare come sia ormai un pregiudizio ritenere la filosofia una disciplina che ha poco a che fare col mondo. Aristotele stesso (e qui andiamo molto, molto più indietro nel tempo) la riteneva alla base di tutte le altre discipline, in quanto ha a che fare con la domanda, con la riflessione profonda sul senso di ciò che, poi, varierà di contenuto in contenuto.

Per dirla con una metafora in termini comuni, mi piace pensare alla filosofia come una sorta di allenamento (o di prova generale) prima di una partita importante o di un concerto: un luogo e un momento in cui ragionare, pensare e sperimentare scelte importanti, decisioni difficili da prendere, cambiamenti, emozioni, vita.

-E lei, come si è innamorata della filosofia?

E’ stato un vero e proprio amore a prima vista. Ho cominciato a studiarla al terzo anno di liceo. Mi ricordo che prima non sapevo nemmeno cosa fosse! Eppure, appena iniziato il manuale, non sono più riuscita a staccarmene! Leggevo ovunque e tutto quello che contenevano i vari capitoli, anche le parti che non era necessario studiare. Mi portavo dietro il libro anche quando dovevo andare a fare la fila alle poste o se uscivo al parco per una passeggiata.

-Ci sono delle scuole di pensiero filosofiche che la rispecchiano di più? E sono le stesse che trova utili per l’uomo e la donna contemporanei?

I miei riferimenti fanno dei grandi salti temporali. Di sicuro la mia guida principale è il filosofo Socrate, il primo vero “ideatore” del “dialogo autentico”, colui che interrogava gli interlocutori per far emergere la loro personale visione delle cose e non quelle convenzioni imparate a memoria. Diciamo che in qualche modo, attraverso lo scambio verbale, aiutava le persone ad essere pienamente sé stesse.

Un altro importante riferimento è senza dubbio Kant, che ci permette di capire l’importanza degli altri, della moralità intesa come fare del bene. Infine, Wittgenstein, Derridà (che ci lasciano la responsabilità di scoprire cosa si nasconde dietro le cose, i limiti del linguaggio come limiti del nostro mondo) e Luigi Vero Tarca, quello che è stato il mio professore all’Università, fautore del “puro positivo”.

-Ha un’idea di dove si sta dirigendo la filosofia oggi?

Contro ogni pronostico, sembra si stia facendo sempre più strada nel mondo contemporaneo. Le persone sono spaventate dalla tecnica, dalle derive a cui può condurre troppa scienza… E hanno bisogno di ritrovare sé stesse e il senso della vita.

Allora ricominciano a interrogarsi, ricercando quei valori che forse hanno perduto, o magari rimescolando le carte e capendo l’importanza di crearne di nuovi. Insieme. Un nuovo modo di con-vivere, insomma, e di con-dividere. Non a caso, sempre più aziende chiedono l’aiuto di un filosofo per migliorare il proprio operato.

-Torniamo al suo studio di Consulenza Filosofica. Cosa trasmetterà ai suoi pazienti, individualmente?

Prima di tutto mi piacerebbe che nel mio piccolo spazio trovassero un luogo accogliente e familiare in cui sentirsi ascoltati e accolti per ciò che sono. Vorrei riuscissero a sentirsi liberi di esprimersi, di tirare fuori tutto ciò che gli crea ansia, paura, dolore.

Poi – così come ha fatto con me, tanti anni fa, la mia consulente Regina – vorrei guidarli nel riuscire a guardare sempre l’altro lato della medaglia: quello della gioia, del superamento della difficoltà che parte, innanzitutto, dalla sua accettazione e – prima ancora – dall’accettazione di sé stessi, senza rimorsi e sensi di colpa (le assicuro che non è una cosa facile!).

-Nei quotidiani, ho letto che offrirà anche caffè letterari, conferenze e gruppi di auto-aiuto. Può raccontarci questi progetti così diversificati?

Il bello della filosofia è che va d’accordo con tutti! Ovvero, dato che facilita l’emergere di contenuti – ma senza mai imporli – può intervenire in diversi ambiti, essendo d’aiuto sia in gruppi di lavoro/equipe che in libere associazioni di persone.

Così, quello che vorrei fare è innanzitutto far conoscere meglio questa disciplina, attraverso conferenze con colleghi ed esperti; poi, aiutare nella sperimentazione della pratica filosofica, attraverso caffè letterari e incontri. Infine, credo molto nel ruolo dei gruppi di auto-mutuo-aiuto: un insieme di persone che si riunisce sulla base di un vissuto, di un’esperienza comune (malattia, lutto, disagio…). Per questo, vorrei fare rete con le strutture psichiatriche del territorio e le istituzioni laiche e religiose, al fine di individuare le difficoltà più diffuse e provare a dare una mano.

-Lei è una giovane donna competente e dinamica. C’è un messaggio che vorrebbe lanciare a chi leggerà questa intervista, e vorrebbe saperne (ancora) di più sulla consulenza filosofica?

Ogni tanto, al Master che ho frequentato a Ca’ Foscari, ci dicevano che “La Consulenza Filosofica è il Consultante!”, intendendo dire che la nostra pratica si basa sul rapporto che instauriamo con chi viene a chiederci aiuto. Perchè ogni persona – si sa – è unicità e imprevisto, per cui la Consulenza Filosofica viene a configurarsi come un’apertura all’altro – che, in fin dei conti, è sempre un altro io, un altro me stesso (Levinas).

Quando facciamo consulenza, perciò, non rimaniamo impassibili, e nemmeno professionisti seduti dietro una scrivania che mettono in pratica delle teorie, ma ci mettiamo in cammino, anche noi, consultante dopo consultante, alla scoperta di noi stessi. In un circolo virtuoso che va da anima ad anima.

Questo è ciò che di più bello il nostro lavoro possa offrirci!

Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *