RECENSIONE: “LE RICETTE DELLA SIGNORA TOKUE” DI DURIAN SUKEGAWA

Einaudi, 2018

Sentarō ha un passato difficile, ma un uomo gli ha dato fiducia e ora gestisce Doraharu, un piccolo take-away che sforna Dorayaki, un dolce composto da due dischetti di pandispagna e farcito di An (marmellata di fagioli rossi azuki). Sentarō spera di ripagare il suo debito al datore di lavoro prima possibile, anche perché lui è uno scrittore e vuole occuparsi di libri. Almeno, è quello che pensa, mentre si ammazza di lavoro ai fornelli per tutto il giorno, sette giorni su sette. Eppure l’incontro con la signora Tokue fa traballare le sue certezze. Si incontrano proprio da Doraharu, quando Sentarō riceve da lei la proposta di collaborazione. Inizialmente è incredulo: come può una signora, certamente pensionata, voler lavorare in un posto che richiede tante energie? Eppure lei è irremovibile, e arriva a richiedere la metà di quanto Sentarō può offrirle. Spalle al muro, l’uomo non può far altro che accettare, anche perché gli affari languono e la signora Tokue sembra saperla lunga sulla preparazione dell’An. Infatti quella collaborazione cambia tutto, perché la signora Tokue è davvero un’esperta pasticcera. Ha avuto tutta la vita per diventare così brava in cucina e i motivi non tarderanno a emergere, portando scompiglio nella vita di Sentarō e di una giovane cliente che si affeziona all’anziana.

Ho saputo che avrei amato questo romanzo fin dalla sua copertina, che rappresenta davvero una sintesi perfetta del romanzo (non sempre è così, anzi!), ma anche perché, leggendo la presentazione dell’autore, ho scoperto un multi-talento: scrittore, poeta, clown e due lauree agli antipodi. Una in Filosofia Orientale e l’altra in Pasticceria del Giappone. Ora, quando una persona sa fare tante cose, può essere incapace di fare tutto e bene, oppure può essere un genio. Sukegawa si avvicina al genio. Ha scritto un romanzo non impeccabile, ma che si ricorda, sia per i contenuti, sia per la spiegazione di eventi storici che non conoscevo -e molti di voi li scopriranno come me, leggendo il romanzo-. L’autore ci parla di disagio sociale ad ampio spettro. Tutti i protagonisti vivono problemi più grossi di loro e tutti lottano per non restare schiacciati da essi, perché vivere in Giappone, ancora oggi, può essere molto difficile. I pregiudizi sono forti e creano un tipo di emarginazione che a noi può sembrare incredibile, ma che laggiù è assolutamente “comprensibile”, e lo metto tra le virgolette, perché pur rispettando le altre culture e religioni, ho sofferto leggendo, in particolare, ciò che ha dovuto subire la signora Tokue.

Consiglio il romanzo a tutti, non solo a chi è pazzo per i dolci come me, perché questo è un romanzo che offre molto ai suoi lettori. Inoltre, chi è interessato, può vederne anche la trasposizione in pellicola: “Le ricette della signora Toku” è uscito nel 2015 con la regia di Naomi Kawase.

Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *