RECENSIONE: “LE STRAORDINARIE BILOCAZIONI DI LILY BELLS” DI VALENTINA FERRI

Devo ammetterlo: era da un sacco di tempo che non mi divertivo tanto durante la lettura di un romanzo. Chissà perché noi scrittori e forti lettori proviamo spesso l’ansia di non riuscire a leggere “tutto ciò che di importante offrono la letteratura e la saggistica italiana e internazionale” e puntiamo sempre la bussola verso i grossi nomi.Di fatto, quello che succede, è che ci perdiamo nuove uscite, nuovi editori e ore di divertimento puro.

E’ il caso del primo capitolo delle avventure della Signorina Lily Bells, una signora inglese residente a Bath che gira per il quartiere con mise eccentriche, rossetto rosso, una borsetta di rafia azzurra, spesso seguita da un nutrito gruppo di gatti cui dà da mangiare. Non solo una semplice -ma onorevole- gattara: Lily è un’artista, una designer, ma soprattutto una donna dotata di straordinaria immaginazione, cui un’amica del cuore regala una libro che eleva ulteriormente il suo spirito. In tutti i sensi, perché la biografia della monaca visionaria Maria de Agreda, vissuta nel Seicento in Spagna, la fa immediatamente immedesimare nella capacità più importante della suora: la bilocazione. Dopo la lettura, la signorina Bells inizia a compiere una serie di viaggi nel tempo e nello spazio,che la riportano sovente nella Spagna barocca, facendole conoscere un nutrito gruppo di personaggi fantastici, alcuni molto pericolosi,anche se lei, si rende conto sempre troppo tardi dei pericoli in cui si cala. È proprio a causa della sua innocenza che i suoi vicini, da sempre affezionati alla stramba compagna di quartiere, la osservano a distanza ravvicinata per evitare che si cacci nei guai. E infatti, a un certo punto succede proprio l’inevitabile…

Non oso immaginare in quali altre avventure potrà inoltrarsi la fantastica signora Bells,ma di una cosa sono certa: raramente ho trovato, tra gli autori contemporanei, una penna brillante, felice e intelligente come quella dell’autrice Valentina Ferri. Sono rimasta colpita dalla sua capacità di mantenere a fuoco le bizzarrie della protagonista con una coerenza rara. Non solo le vicende di Lily Bells, per quanto folli e incredibili risultano credibili, conoscendo a fondo la protagonista,ma l’autrice ha circondato le sue avventure di una cornice storica autentica e di una serie di personaggi psicologicamente cesellati al millimetro e con una proprietà di linguaggio rara, soprattutto in romanzi brillanti come questo.

Consigliarne la lettura è il minimo. Io adesso attendo trepidante le prossime avventure della mia nuova eroina, Miss Lily Bells!

Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *