RECENSIONE: “LOLLY WILLOWES O L’AMOROSO CACCIATORE” DI SYLVIA TOWSEND WARNER

Adelphi, 1990

Scoprire questa straordinaria autrice britannica è stato davvero importante. La sua è una scrittura intensa e fluida, magica e profonda. Mi mancava. Pur conoscendo così tanti autori talentuosi, Towsend Warner è unica, e ve ne potete accorgere solo leggendola.

In questo romanzo, considerato il suo capolavoro, si entra nella vita di Laura, una zitella dei primi del Novecento che, alla morte del padre, si trasferisca dalla sua casa immersa nella campagna inglese nella dimora londinese del fratello, trascorrendo anni con la cognata e le nipoti, diventando la pacata e amorevole zia Lolly.

“La sua mente inseguiva a tentoni qualcosa che sfuggiva all’esperienza, un qualcosa di rarefatto e minaccioso, e che tuttavia, per qualche ragione, le era affine; un qualcosa che si celava in luoghi tetri, evocato dal rumore dell’acqua che gorgoglia in canali profondi e dal canto sinistro degli uccelli notturni. Solitudine, desolazione, propensione a far paura, una sorta di pagana sacralità: queste erano le cose che attiravano i suoi pensieri lontano dal fuoco che ardeva sereno nel camino”.

Ma Laura continua a vivere nell’inconscio di zia Lolly e basta un evento apparentemente da niente, come la razzia di una bottega colma di prodotti agricoli e fiori profumatissimi, per ridestare la dormiente Laura e farle divorare la silenziosa e remissiva zia Lolly.

“Si inginocchiò tra i fiori e chinò il viso verso il loro profumo. Per un momento il peso di tutti i suoi anni infelici sembrò gravarle sul petto fin quasi a schiacciarla a terra; Laura tremò, comprendendo per la prima volta quanto aveva sofferto. Un attimo dopo era libera. Era tutto passato, non poteva più succedere e non era mai successo. Lacrime di gratitudine le rigarono il volto. A ogni respiro il profumo delle primule entrava in lei e la affrancava”.

La trasformazione repentina della protagonista, lascia sgomenti i suoi parenti, ma lei è implacabile e raggiunge il suo obiettivo: trasferirsi in un’amena località collinare, sconosciuta ai più, Great Mop. Da qui, riprendere la sua autentica vita, e si scopre strega, grazie all’incontro con l’amoroso cacciatore, il diavolo. Ma se pensate che sia un essere orrendo con le corna, la coda e i piedi caprini, vi sbagliate di grosso, così come se immaginate che lui la attiri nel suo abbraccio attraverso la lussuria. Niente di tutto questo.

Il peso e il valore etici e sociali di questo romanzo, vanno a braccetto con il realismo magico del suo cuore. Al principio, io stessa ho provato del disappunto, per la presenza del diavolo in associazione con la stregoneria, memore di odiosi testi ecclesiastici come il “Malleus Maleficarum”, che condannò decine di migliaia di eretici, miscredenti, maghi, guaritrici, levatrici, streghe e presunte tali. Tuttavia, continuando la lettura del romanzo e giungendo alla sua fine, la natura e la posizione del diavolo mutano profondamente, non appartengono a quello sciagurato quadro cristiano.

Insomma, questo è un romanzo sorprendente e io, come molti altri estimatori di Towsend Warner, continuo a chiedermi perché l’autrice non sia conosciuta in Italia come dovrebbe, e perché non tutte le sue opere sono tradotte. Nell’attesa dello scioglimento di tali dubbi, acquisterò senza indugi “Il cuore vero” (Adelphi) e “Reami degli Elfi” (Tre Editori).

Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *