RECENSIONE: “MAGIA NERA” DI LOREDANA LIPPERINI

Bompiani, 2019

Mi succede spesso di parlare con lettori forti come me e, nella maggior parte dei casi, trovo pochi appassionati di racconti, classici a parte. Le ragioni si sprecano e non starò qui a tediarvi spiegandovele, ma trovo che sia un vero peccato. Il “problema” è soprattutto nostrano. In America, per esempio, c’è molto interesse verso le short stories, sia perché rappresentano un cavallo di battaglia letterario nazionale, sia perché si sposano perfettamente con i tempi stretti dei lettori oltre oceano. Un racconto si può leggere in una manciata di minuti e, nella terra degli smartphone, dei tablet e dei laptop, è perfetto.

A questo punto, sono certa di non sbagliare nell’affermare che ci vorrebbero più Lipperini, nella letteratura italiana. Ho comprato la sua raccolta di racconti intrigata dal nome suggestivo: “Magia nera”, ma senza alcuna aspettativa. Non avevo infatti mai letto nulla dell’autrice. Che errore madornale! Dovrò correre subito ai ripari, perché, in effetti, Loredana Lipperini è una scrittrice che non può mancare nella vostra biblioteca personale. Ha una scrittura fluida, potente, evocatrice. Le storie che racconta non si dimenticano, sia perché alcune di esse affondano le radici nella storia, e quindi le sentiamo vibrare in noi come una eco, sia perché hanno una potenza, un pathos che pochi altri autori possono vantare. In Italia, per esempio, non me ne viene in mente proprio nessuno.

Mentre leggevo questi racconti magici -in tutti i sensi- continuavo a registrare mentalmente: “questo è il mio preferito, “no, questo è il mio preferito, devo ricordarmene per recensirlo a dovere”, “ma no, ma anche questo!” e così, a un certo punto, ho lasciato perdere. Non c’è un solo racconto che non valga la pena di essere divorato e consumato, integrato e naturalmente ricordato.

Ho apprezzato molto anche la presenza di strofe di canzoni diverse per ogni racconto. Mi sono pure commossa quando ho trovato “Them bones” degli Alice in Chains nel racconto “Baby Blues”, perché questa band grunge mi ha accompagnata durante tutto l’arco della mia adolescenza e, quando sono arrivata alla fine della lettura del racconto, non ho potuto resistere e sono corsa a raccontarlo a mio marito che, da appassionato grunge, è rimasto molto coinvolto dal mio riassunto e dalla presenza di una canzone così underground all’interno di un libro edito da una casa editrice famosa come Bompiani. Senza contare che la trama di “Baby Blues” è inquietante: gioca su un argomento serio come questa forma depressiva che colpisce alcune neo-mamme, perciò poteva rivelarsi rischioso, in tempi di “politicamente corretto” a tutti i costi. Invece la storia prende una piega agghiacciante e il finale è davvero inaspettato e degno di un racconto dell’Ottocento inglese.

La raccolta di racconti è suddivisa in quattro temi:

  • Matrimoni;
  • Madri;
  • Ribellioni;
  • Doni.

Vi invito a leggere questo libro perché vi incanterà, vi farà riflettere e certamente vi spronerà a voler conoscere Lipperini molto di più, attraverso i suoi scritti.

Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *