RECENSIONE: “PICNIC A HANGING ROCK” DI JOAN LINDSAY

Sellerio, 2017

Vallo a spiegare a un lettore di e-reader, Kobo, Tolino, ecc, il godimento che si prova nel tenere in mano un’edizione cartacea Sellerio. Personalmente, non riesco a provare la stessa emozione con nessun altro editore e non me ne vogliano Adelphi e Iperborea, per esempio, che hanno pure un formato classico delizioso.

E’ naturale, quindi, che prediliga la lettura dei romanzi Sellerio a molti altri. Non che li legga tutti -amanti di Camilleri non odiatemi, ma il commissario Montalbano non mi prende proprio!- ma appena noto un titolo acattivamente e, soprattutto, una trama che “mi chiama”, corro a comprarne una copia, attendendo con trepidazione il momento in cui le mie mani incontreranno quelle confortevoli, incantevoli copertine.

Questa volta, l’occasione è arrivata grazie alla pubblicità aggressiva che è stata fatta sui canali Sky della nuova serie tv “Picnic a Hanging Rock”. Sei episodi, una sola stagione (per ora) e delle immagini conturbanti. Sentivo odore di marketing a centinaia di chilometri di distanza, ma la sostanza, ovvero la trama, continuavano a fare eco nella mia mente. Finché mi sono ricordata che un lettore, anni fa, mi aveva consigliato esattamente questo romanzo, asserendo che, da scrittrice di romanzi storici (allora avevo edito “La dama e l’aquila”) ero tenuta a leggere il capolavoro dell’autrice australiana Joan Lindsay. Come una brava Sherlock Holmes avevo inserito l’informazione dentro uno dei cassetti del mio cervello ed ecco che, qualche settimana fa, l’ho estratto con vivo gusto.

Ho comprato il libro e messo in registrazione la serie tv. Ebbene, dopo aver terminato la lettura del romanzo e aver visto il primo episodio, vi assicuro che il primo batte il secondo, almeno per chi, come me, ama immergersi nelle atmosfere dei secoli passati, carpirne i colori, i volti, i gesti, le consuetudini. Riporto un estratto di ciò che intendo:

“Isolate dal naturale contatto con la terra, l’aria e la luce del sole per via dei corsetti prementi sul plesso solare, delle sottane voluminose, delle calze di cotone e degli stivaletti di capretto, le ragazze sazie e assonnate che poltrivano all’ombra non facevano parte dell’ambiente più di quanto ne facciano parte le figure di un album di fotografie messe in posa a capriccio su un fondale con rocce di sughero e alberi di cartone”.

Se oltre a questo, aggiungete anche un talento nella descrizione della natura, comprenderete che la lettura di un simile romanzo è un dono:

“A ogni passo la vista diventava più affascinante, man mano che si aggiungevano altri particolari di rupi merlettate e di pietra macchiata di licheni. Ora una kalmia latifolia lucida al di sopra delle polverose foglie argentee di un corniolo, ora una crepa scura tra due massi, dove il capevenere tremolava come un merletto verde”.

Ma di cosa parlano il romanzo, un film famosissimo di Peter Weir del 1975 e la nuova serie tv? La trama è semplice: il giorno di San Valentino 1900, le studentesse del college Appleyard festeggiano l’evento alle pendici della misteriosa Hanging Rock, una formazione rocciosa preistorica che si erge nel mezzo del fitto bush australiano. Dopo un pasto luculliano, tre studentesse più grandi, Marion, Irma, Miranda, e la più giovane Edith, si allontanano per una ravvicinata osservazione di Hanging Rock, giurando di tornare nell’arco di un’ora, ma due di loro e l’insegnante di matematica McCraw, che era andata a cercarle, non faranno più ritorno. Solo Edith, sconvolta e urlante, tornerà dalla professoressa di francese e dalle sue amiche, pur incapace di spiegare cosa sia accaduto e qualche giorno dopo, un’altra collegiale verrà ritrovata vicino a Hanging Rock dal giovane e nobile Albert, e tuttavia neanche lei ricorderà nulla.

Una storia intrigante di per sé che, se corredata da numerosi articoli di giornale e deposizioni al comisariato, presenti nello stesso romanzo, diventa ancora più accattivante. Non solo. La scrittrice aveva inserito, nel capitolo finale, la soluzione della vicenda, ma il suo editore si era opposto alla pubblicazione, in quanto un finale aperto è molto più misterioso di uno dove tutti i nodi vengono al pettine. Lindsay acconsentì e il diciottesimo capitolo uscì postumo: “The secret of Hanging Rock” (1987), mai tradotto in italiano.

Basta e avanza per avere un notevolissimo richiamo di lettori e stampa, e tuttavia il mistero di Hanging Rock divenne di interesse internazionale quando circolò la voce che il romanzo si basasse su una storia realmente accaduta e che gli aborigeni non si avvicinavano mai alla conformazione rocciosa, in quanto la ritenevano un ricettacolo di spiriti nefasti. Non voglio perdere tempo nel descrivere le ridicole supposizioni di fine Novecento sulla possibilità di abduction da parte di alieni. Che differenza di gusto tra inizio e fine secolo!

Voglio consigliarvi la lettura di questa opera perché contiene tante qualità e vi permetterà di entrare in un mondo non troppo distante dal nostro nel tempo, ma nello spazio sì. Vi invaghirete delle descrizioni paesaggistiche, psicologiche, del netto contrasto della società vittoriana e degli arcani misteri di un’isola da poco colonizzata, brulicante di misteri ancestrali di cui all’epoca non si conosceva quasi niente. Se poi avrete del tempo per godervi il film di Weir fatelo. Per quanto riguarda la serie, ve la consiglio solo se siete amanti di sceneggiature come “Hannibal”, “Game of Thrones” e “American Horror Story”, altrimenti passate direttamente a un altro Sellerio!

Picnic at Hanging Rock, William Ford, 1875, National Gallery di Melbourne
Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *