RECENSIONE: “UN’ESTATE CON LA STREGA DELL’OVEST” DI KAHO NASHIKI

Feltrinelli, 2017

Chi mi conosce bene, sa che non avrei potuto perdermi la lettura di un romanzo con questo titolo.

La vicenda racconta l’estate della tredicenne Mai trascorsa a casa della nonna, una signora inglese rimasta vedova, che abita tra le montagne giapponesi, immersa nella natura e nel silenzio. Mai è considerata una bambina difficile, non vuole più andare a scuola e sua madre pensa che la vicinanza alla matriarca, in un luogo incontaminato come quello in cui risiede, potrebbe indurla a cambiare atteggiamento.

Mai e sua madre hanno sempre chiamato la nonna “La Strega dell’Ovest”, ma solo vivendo con lei, la ragazza scoprirà che quel soprannome non è il risultato di uno scherzo, bensì la verità. La nonna insegnerà alla nipote a usare la magia nella vita quotidiana, in seguito a un addestramento intenso, ma soprattutto attraverso l’amore, l’ascolto, la comunicazione, e i tempi lunghi e semplici della vita di montagna.

Nashiki scrisse questo romanzo breve nel 1994 con il chiaro intendo di opporsi alla “società di massa”, alle “voci tonanti” che vorrebbero le persone tutte allineate, uguali, conformi a una visione comune. Si capisce, tra le righe, che l’autrice è diversa da questo modello. Essere “diversi” in Giappone, è sempre stato un difetto. La sua Mai è diversa per ragioni comprensibili e commoventi, per noi occidentali, ma nella sua terra rischia l’emarginazione. Mi ha colpita piacevolmente trovare una voce letteraria capace di lottare contro questa forma mentale usando la dolcezza di un romanzo che non sbraita, non urla, ma sussurra e, in questo modo, raggiunge direttamente il cuore. Non mi sorprende, quindi, che “Un’estate con la Strega dell’Ovest” sia stato un successo proprio in quel Giappone che avrebbe dovuto ripudiarlo. Evidentemente, Nashiki e la sua creatura, Mai, non sono le sole ad avere una personalità altra, rispetto a quella della massa.

Ho apprezzato molto la storia, l’intrigante presenza della nonna inglese nella realtà orientale, e soprattutto la sorpresa: tre racconti a fine romanzo, che riprendono l’atmosfera e i personaggi della storia. L’autrice li ha scritti nel corso di questi venticinque anni e li ha donati ai suoi affezionati lettori. Un dono essenziale, dal momento che ci si sente davvero orfani della Strega dell’Ovest, una volta terminata la storia.

Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *