RECENSIONE: “SPLENDERE” DI JOHANNA MAGGY

Mondadori, 2019

Pochi giorni fa ho festeggiato il mio compleanno: 40 anni. Che traguardo! Sono innamoratissima del numero 40, dal significato simbolico così potente. Durante la mia festa, le amiche si sono premurate di rendermi felice nel modo più semplice e concreto: regalandomi buoni per l’acquisto di libri, saggi e romanzi. Potete immaginare come mi sono sentita: una bambina a cui abbiano regalato un abito pieno di brillantini e volant, o una bacchetta magica di Hermione. Naturalmente mi sono subito tuffata nelle letture, tra le quali figurava “Splendere” di Johanna Maggy.

Sono consapevole del fatto che molti di voi hanno dei pregiudizi su libri come questo: titoli e foto accattivanti, concilianti. Manuali di auto-aiuto, motivazionali. Sottotitoli zuccherosi come: “Piccoli incantesimi per brillare ogni giorno”. Eppure avete mai pensato che, fermarsi alle evidenti operazioni di marketing, potrebbe farvi perdere qualcosa di importante?

Prendete me: teoricamente non avrei alcun bisogno di manuali di auto-aiuto e men che meno motivazionali. Il buon Salvador Dalì scriveva: “La droga sono io!” Tranchant. Eppure mi ci ritrovo: non ho bisogno di droghe, né di motivazioni per vivere serena, entusiasta e ben centrata. Sto bene, mi sento in armonia con me stessa e il mondo da molti anni. E’ stata una lunga strada, ma è valsa la pena attraversarla, sia per il benessere personale che ne è derivato, sia per quello che oggi posso estendere alle persone care della mia vita. Quindi vi chiederete: perché hai preso quel libro? Perché seguo l’autrice da diverso tempo sia attraverso il blog, sia attraverso Instagram e trovo i suoi consigli misurati, costruttivi e utili. E’ madre come me. Ha i suoi impegni quotidiani e professionali (come insegnante di Pilates e coach Olistica) come me. E sorride quasi sempre, proprio come me. Dulcis in fundo proviene da un Paese, l’Islanda, che trovo affascinante e che un giorno desidero visitare insieme alla famiglia. Ho sempre pensato che il suo sguardo avesse qualcosa di originale, di laterale rispetto al nostro, e non mi sbagliavo.

Nel libro, Johanna spiega la sua infanzia: era una bambina selvatica che, come i suoi conterranei, fin da piccola dormiva all’aria aperta, certo ben coperta, ma esposta agli agenti atmosferici più estremi. I suoi occhi hanno convissuto con il cielo fin dai primi mesi di vita, quel cielo immenso, nuvoloso e terso, luminoso e oscuro, che le ha trasmesso -ne sono certa- la consapevolezza di quella che è la vita di ogni creatura vivente, uomini inclusi: un continuo scorrere da un opposto all’altro, dalla gioia al dolore, dalla speranza alla disperazione. Uno scivolare da un estremo all’altro che, tuttavia, dovremmo cercare di affrontare con uno scopo: quello di raggiungere il centro, l’equilibrio, l’accettazione. Attraverso le esperienze della sua infanzia, la constante consapevolezza di essere ancora quella bambina -riconoscimento del Sè autentico-, Johanna affronta la vita con il sorriso, e ha le risorse per combattere contro le avversità. Elargisce consigli pratici: dalla respirazione, pilastro della vita consapevole, al cibo. Dall’acqua alla creazione di una routine quotidiana sana per se stessi e per la famiglia. Dalla necessità di prendersi cura di sé a quella di stare più possibile a contatto con la prima Madre, Madre Natura, la Grande Madre.

Secondo alcuni, sono semplici dimostrazioni di buon senso. Una mia amica ha detto: “Beh, ma non dovremmo farlo tutti? E’ come se ci fossimo dimenticati dove sta il nostro Bene”. Certo che è così! La maggior parte delle persone ha scordato di riconnettersi alla sua parte bambina, al Sè interiore. Come scrivo spesso, ci sono lavoratori e studenti che non sollevano lo sguardo da terra e dallo smartphone per tutto il giorno e non guardano il cielo neppure una volta. Quel cielo che ha così tanto da insegnarci, così come ogni altro elemento della natura. Quel cielo che Johanna, bambina, ha osservato tanto a lungo e che le è entrato dentro.

Ho una teoria. Premetto che entriamo nel realismo magico: Johanna è l’incarnazione di una fata islandese. Un bel giorno, la fata ha deciso che voleva vivere nuove avventure e ha scelto un piccolo corpicino dentro al quale entrare. Così è diventata Johanna, una bambina vivente che porta nel suo dna i geni dei vichinghi, i temuti e resilienti dominatori dei mari nordici. Ora la fata vichinga vive tra noi e ci trasmette una percezione ancestrale della Natura e la forza, la tenacia per riconnetterci a essa.

Mi piace tanto pensare a Johanna in questi termini. E come potrebbe essere altrimenti per chi scrive parole come queste:

“Ciascuno di noi ha dentro qualcosa che deve tenere a bada e di cui si deve occupare. Non significa che siamo guasti, sbagliati o negativi.

Come esseri umani conserviamo la traccia di un evento passato, a volte piccolo, a volte molto grande -dipende da cosa ci è accaduto-, la cui voce sottile ha bisogno di essere ascoltata. È rimasto sulla tua anima un segno che non ti ha più abbandonato e al quale non hai prestato sufficiente attenzione. Magari non sai nemmeno che per tutto questo tempo ha bloccato un flusso di energia positiva dentro il corpo. Prova a ricordartene. Poi abbraccia il bambino che eri, teneramente e con consapevolezza. Lui è sempre stato presente e lo è ancora, ha bisogno di te e delle tue attenzioni, della tua cura. Chiediti come si sentiva, in mezzo alla natura, nel suo posto sacro. Cosa lo ha strappato da lì? Quale azione o parola lo ha ferito?

Molte persone vivono una vita intera trascurando questa parte della loro esistenza. Una parte perduta, sola, rinchiusa dentro di noi ma che richiede attenzione, amore e solo un abbraccio. Chiede soltanto che la sua voce sia ascoltata. Se l’abbiamo sempre ignorata, probabilmente esploderà in un comportamento o in parole che non riconosceremo che non avremmo mai pensato di voler dire. Potremmo arrabbiarci facilmente, diventare nervosi, trattare le persone che amiamo in modo inaspettato.

Diamo a noi stessi il tempo e l’amore per domandarci che cosa non va. Stai bene? Come ti senti davvero? Ogni volta che ce lo domanderemo, nelle diverse fasi della vita, troveremo risposte differenti e nuove. È un processo che non finisce mai. Per ogni fase che attraversiamo ci saranno nuovi splendori.

L’amore per noi stessi è accettazione di chi siamo, in ciascun passo, in ciascun momento del viaggio. L’amore e la cura di sé richiedono duro lavoro, una profonda connessione e un tempo dedicato durante tutto il corso della propria vita. Un tempo che meritiamo, profondamente e veramente. Quando siamo in contatto con noi stessi e abbiamo un equilibrio sano viviamo in modo diverso. Spontaneamente mangiamo cibi sani, desideriamo camminare in mezzo alla natura, fare Pilates, Yoga, o qualsiasi tipo di esercizio fisico.

E la nostra famiglia trae beneficio dal nostro stato”.

Sì, ne vale la pena. Lo sa Johanna. Lo so io. Ho trovato un’anima gemella e sono certa che anche a voi verrà voglia di diventare -o tornare a essere- così, dopo aver letto “Splendere”.

Commenti da Facebook

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *